Non usi la bicicletta da mesi e vorresti degli sci per una vacanza sulla neve? Noleggia entrambi con Sharewood

Bicicletta, sci e sci alpinismo, snowboard e snowboard alpinismo, surf, windsurf, kitesurf, rafting e hydrospeed, kayak e canoa, SUP (Stand Up Paddle, simile al surf, ndr). Tanti sport per cui servono attrezzature specifiche e costose, reperibili senza fatica su Sharewood, il primo sito web in Europa che mette in contatto i wooder, i proprietari di attrezzatura sportiva, con gli explorer, appassionati, sportivi e viaggiatori che vogliono vivere esperienze outdoor ovunque.

Funziona così: i wooder pubblicano descrizione e costo degli attrezzi da noleggiare, gli explorer cercano l’attrezzo desiderato in base al prezzo o alla città d’interesse. Ad ogni scambio, Sharewood guadagna una commissione. La qualità è garantita dalla selezione che Sharewood fa su proprietari e attrezzature e la fiducia tra i membri della community è assicurata dal sistema di feedback. Inoltre gli utenti sono tutelati, in caso di rotture o manomissioni, da una copertura assicurativa.

“Vogliamo essere il primo player europeo di sharing economy applicata allo sport outdoor!” – si legge su Crowfundme, il sito su cui Sharewood ha lanciato la sua campagna di equity crowdfunding – “E oggi in Europa il mercato del noleggio dell’attrezzatura outdoor vale 25 miliardi di euro, con 100 milioni di sportivi”. 7 mila di questi fanno parte della community di Sharewood che, in circa un anno di attività, ha ospitato più di 1000 scambi. C’è chi ha deciso di investire i suoi soldi in un kayak ma adesso, viste le temperature invernali, preferirebbe uno snowboard, e c’è chi nel tempo libero o durante un viaggio vorrebbe poter disporre di attrezzatura di qualità senza doverla portare da casa o acquistare.

Grazie ai 100 mila euro di investimento ricevuti da Vertical Health Accelerator, il più importante acceleratore europeo in ambito sportivo, con sede ad Helsinki, Sharewood ha ampliato il raggio di azione del suo servizio agli appassionati finlandesi. Il team, però, conta di consolidare la presenza di Sharewood nel mercato italiano, con sempre più wooder ed explorer, ed espandersi poi nel Nord e Sud Europa, tra cui Spagna e Portogallo. Attualmente il servizio è disponibile in 12 città italiane. Infine, un’app per smartphone sta per essere sviluppata per rendere Sharewood accessibile anche da dispositivi mobili.

 

 

Photo credit: gosharewood.com, crowdfundme.it, bimag.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *