Giradischi hi-tech: con il vintage moderno si cambia musica

Si chiama Giuseppe Pinto, ha 33 anni ed è l’ideatore del giradischi, retrò ed evoluto allo stesso tempo, che sta affascinando gli appassionati del genere di tutto il mondo. Un giradischi a cui ha dato il nome di ON, acronimo di Old e New, vecchio e nuovo. Dopo aver lasciato la Facoltà di Ingegneria al secondo anno, Pinto si è dedicato alla passione per gli apparati audio, ereditata dal nonno radiotecnico. A Napoli, in un sottoscala del quartiere Materdei, ha iniziato a sviluppare il progetto iniziale, circa un anno e mezzo fa. Da allora, con la collaborazione degli amici designer Fabio Chianese ed Ettore Ambrosio e il sostegno economico dell’imprenditore della GMA di Giugliano, Angelo Punzi, si è giunti alla realizzazione del prodotto finito. L’investimento iniziale di 350mila euro ha consentito a Pinto di dare forma al suo sogno. ON è il primo giradischi plug and play, gestisce qualunque sorgente, analogica o digitale, e si collega con un cavo Usb al pc e con un ricevitore audio Bluetooth ai dispositivi portatili, come smartphone, tablet e lettori di musica digitale. È alto 6,5 centimetri, la base è in Corian bianco, il piano in multistrato è di betulla impiallacciato mentre il braccio è in fibra di carbonio. Il preamplificatore valvolare con alimentazione dedicata di cui è dotato può essere affiancato, a seconda delle esigenze, da amplificatori da 100 a 500 Watt RMS.

giradischi2

Un giradischi artigianale ad alta tecnologia che ha subito suscitato interesse all’estero: i primi 100 esemplari sono già stati prenotati. Nel maggio scorso è stato presentato alla fiera High End di Monaco, attualmente si trova al Salone Son & Image di Parigi, mentre a gennaio 2017 sarà ospite della Ces di Las Vegas, la Grande Fiera Internazionale dell’elettronica di consumo, nel padiglione riservato alle start up innovative. I curiosi possono vederlo alla Fonoteca del Vomero, dove è esposto. Sarà messo in vendita a Natale, al prezzo di 3000 euro per il modello da 100 Watt.

 

 

Credits: gpinto.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *